Leggende della Valle Brembana

Storie antiche brembane

Autostoppista fantasma della Val Serina (1^ parte)


Ai nostri giorni ci pensa la televisione a riempire le serate di racconti più o meno avvincenti e intriganti, non per questo è venuta meno la predisposizione della gente comune a dar vita a suggestioni collettive che fanno capolino qua e là nei modi più impensati. Si tratta, ad esempio, delle famose leggende metropolitane, trasposizione moderna delle incredibili vicende di una volta, che prendono corpo, anche e soprattutto negli ambienti giovanili, e si alimentano sull'onda del passaparola, finendo talvolta per acquistare un'improbabile quanto effimera veridicità. Non estranea a queste tendenze è la Valle Brembana, dove pure si assiste con sorpresa al riproporsi di questi temi cari alle generazioni passate.

E' il caso, ad esempio, della leggenda dell'autostoppista fantasma che circola da tempo tra i giovani della valle ed ora è di dominio pubblico, anche per merito della professoressa Stefania Fumagalli che ne ha fatto oggetto di un interessante studio antropologico. La serata non era stata delle più elettrizzanti. Il disk jockey dello Snoopy di Serina ce l'aveva messa tutta per tenere alta l'atmosfera, ma la musica, le luci e gli amici non erano riusciti a dargli la solita carica e così Luca, superata da un bel po' la mezzanotte, si era deciso di lasciare la compagnia e tornarsene a casa a smaltire il sonno arretrato, anche perché il pomeriggio del giorno dopo l'attendeva una impegnativa gara di atletica, in vista della quale si era preparato ben bene per tutta la settimana. Vuotò il bicchiere di birra, salutò gli amici e uscì all'aperto, respirando di gusto l'aria fresca e umida della notte. Raggiunse la sua piccola auto sportiva, mise in moto e uscì dal parcheggio, districandosi non senza difficoltà nella selva di veicoli parcheggiati alla rinfusa. Fu allora che scorse sul margine della strada la figura minuta di una ragazza che col braccio teso chiedeva un passaggio.

Doveva essere uscita da poco dalla discoteca, per quanto il suo abbigliamento, una giacchetta bianca attillata e una gonnellina blu a pieghe, lunga fino al ginocchio e di taglio piuttosto antiquato, apparisse poco intonato con la moda degli abituali frequentatori del locale, decisamente sul casual e con tonalità in prevalenza scure e poco appariscenti. Come era sua abitudine, alla vista dell'autostoppista, Luca bloccò l'automobile, che stridette sulla sabbia del ciglio stradale. "Vuoi un passaggio?" chiese abbassando il finestrino di destra. "Mi porti fino a Zogno?" annuì la ragazza con voce incolore, aprendo la portiera e accomodandosi sul sedile. "Ciao, sono Luca" fece lui, ripartendo di gran carriera. "Cristina" biascicò la ragazza, sistemandosi i capelli con le mani "Eri allo Snoopy? Non ti ho notato in tutta la serata". "Per la verità sono stata seduta in un angolo tutta la serata. Sempre la stessa musica, monotona e assordante. E poi ho dovuto tenere a bada un rompiscatole che mi ha importunata fin dall'inizio". "Hai ragione, la musica che passa qui non è il massimo. Sempre la solita storia, è per questo che ci vengo di rado.

A me piace ben altro". Così dicendo accese lo stereo e subito l'abitacolo fu inondato dalle note limpide e cristalline dell'ultimo disco di Vasco Rossi. "Che ne dici?" chiese il ragazzo alzando un po' il volume e canticchiando il motivo sopra la voce roca del cantautore. "Mai sentita" rispose la ragazza assorta in chissà quali pensieri. L'automobile procedeva veloce lungo i tornanti e le strettoie della Val Serina. Erano quasi arrivati nell'orrido di Bracca e i fanali illuminavano le alte e nere pareti strapiombanti sulla strada, conferendo alla roccia un aspetto inquietante. "Non mi sembra di averti mai vista. Sei di Zogno? - riprese Luca con la vaga intenzione di imbastire con la ragazza una parvenza di dialogo - non ti ho mai notata nemmeno a scuola. Io sono stato fino all'anno scorso a Camanghé".

Autostoppista fantasma della Val Serina (seconda parte) ---->>>>>>